Coronavirus in Valle d’Aosta “Il freddo può aver contribuito alla diffusione”

Aosta

/

18/06/2020

CONDIVIDI

E' l'ipotesi del ricercatore valdostano Fabio Truc

Un elemento determinante per la diffusione del virus in valle d’Aosta potrebbe essere stato il freddo.

E’ questa l’ipotesi del fisico Fabio Truc, ricercatore valdostano che ha partecipato ad un recente studio sul tema.

Così ha dichiarato il fisico, ripreso dal’Ansa:

“La Valle d’Aosta è stata colpita quando le temperature erano basse. Altrimenti non vedo altre caratteristiche ambientali che giustifichino la diffusione del virus nella regione alpina, certamente non l’inquinamento. La densità di popolazione è un fattore importante, vedi la Lombardia, ma la Valle d’Aosta non ce l’ha elevata”.

L’afflusso di turisti è un altro elemento analizzato nello studio:

“La grande massa di turisti a fine febbraio – ha aggiunto Truc – “potrebbe aver creato le condizioni, la finestra temporale correla con la potenziale fonte di contagio portata dai villeggianti”.

Leggi anche

Courmayeur

/

24/06/2022

Courmayeur – Contributi a fondo perduto a sostegno del commercio e dell’artigianato

Procedura per richiedere erogazione di contributi a fondo perduto a sostegno del commercio e dell’artigianato previsto […]

leggi tutto...

Courmayeur

/

22/06/2022

Courmayeur – Riapre la Casermetta dell’Espace Mont Blanc in Val Veny

Il centro riapre le sue porte mercoledì 22 giugno (e rimarrà aperta fino al 15 settembre). […]

leggi tutto...

Courmayeur

/

20/06/2022

Courmayeur in Danza protagonista a Courmayeur Mont Blanc

Ogni anno i migliori insegnanti, coreografi e ballerini si ritrovano ai piedi del Monte Bianco per […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy