Coronavirus in Valle d’Aosta “Il freddo può aver contribuito alla diffusione”

Aosta

/

18/06/2020

CONDIVIDI

E' l'ipotesi del ricercatore valdostano Fabio Truc

Un elemento determinante per la diffusione del virus in valle d’Aosta potrebbe essere stato il freddo.

E’ questa l’ipotesi del fisico Fabio Truc, ricercatore valdostano che ha partecipato ad un recente studio sul tema.

Così ha dichiarato il fisico, ripreso dal’Ansa:

“La Valle d’Aosta è stata colpita quando le temperature erano basse. Altrimenti non vedo altre caratteristiche ambientali che giustifichino la diffusione del virus nella regione alpina, certamente non l’inquinamento. La densità di popolazione è un fattore importante, vedi la Lombardia, ma la Valle d’Aosta non ce l’ha elevata”.

L’afflusso di turisti è un altro elemento analizzato nello studio:

“La grande massa di turisti a fine febbraio – ha aggiunto Truc – “potrebbe aver creato le condizioni, la finestra temporale correla con la potenziale fonte di contagio portata dai villeggianti”.

Leggi anche

Courmayeur

/

13/05/2021

Courmayeur-  Erogazione contributi a fondo perduto per sostegno commercio e artigianato

Bando per sostegno alle attività economiche, commerciali ed artigianali, (comprese quelle agricole e ricettive, in relazione […]

leggi tutto...

Courmayeur

/

05/05/2021

Zona Rossa: restato chiusi gli uffici comunali – Tutti i numeri utili

Si informa la popolazione che gli Uffici del Comune di Courmayeur che con ordinanza del Sindaco […]

leggi tutto...

03/05/2021

Valle d’Aosta ancora in zona rossa – Lavevaz “Solo impegno collettivo porterà a riduzione dei casi”

Regione autonoma Valle d’Aosta La Presidenza della Regione informa di aver ricevuto da parte del Ministro […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy