Sindaci della Valdigne uniti contro i rincari autostradali – “E’ una follia che continua”

Courmayeur

/

09/01/2019

CONDIVIDI

Un incremento assolutamente inopportuno e dannoso per le comunità locali e per l’utenza

Il messaggio è stato firmato dai sindaci dell’Unité des Communes Valdigne-Mont-Blanc Courmayeur, Morgex, Pré-Saint-Didier, La Salle, La Thuile e arriva distanza di un anno dal precedente allarme lanciato a seguito del rincaro autostradale.
“Un ennesimo folle rincaro – scrivono i sindaci. “Ci ritroviamo con rammarico a dover prendere atto di una decisione che lascia amarezza”.
I primi cittadini firmatari della nota si ritrovano ancora una volta manifestare la propria contrarietà ad un ulteriore e “folle” rincaro, del 6,32%,della tratta autostradale dell’A5 tra Aosta e il Traforo del Monte Bianco.

I Sindaci evidenziano una situazione assurda, che continua a peggiorare, con orecchie sorde alle lamentele del territorio. Ribadiscono per questo motivo alcune importanti riflessioni all’interno del dibattito complesso dei trasporti che continua a rappresentare un nervo scoperto tutto valdostano:0

L’incremento della tariffa per l’anno in corso è da ritenere assolutamente inopportuno e dannoso per le comunità locali, per l’utenza, per tutto il sistema della Valdigne e non solo”.
I Sindaci sottolineano, inoltre, le proprie forti preoccupazioni sul piano della sicurezza stradale, per il possibile incremento del traffico sulla SS26, per le conseguenze dell’indotto economico, oltre l’amarezza per la continua poca attenzione alle comunità locali e agli abitanti della Valle d’Aosta, in particolare per coloro che non sono in possesso del telepass, che non possono continuamente essere vessati per un servizio fondamentale come la mobilità. E ancora, tale aumento penalizza, in un periodo economico già difficile per le famiglie, il traffico commerciale e turistico diretto verso la Valdigne.

Pur apprezzando lo sforzo per il mantenimento delle agevolazioni riconfermate per l’anno in corso da RAV, gli amministratori locali evidenziano come il tratto dell’Alta Valle rimanga uno dei più cari d’Italia, confermando un triste primato. Continueranno a portare avanti in tutte le sedi istituzionali e politiche queste criticità per dare voce ai problemi della Valdigne e trovare soluzioni rispettose e sostenibili per l’intera comunità e per il sistema valdostano.

Stefano Miserocchi – Sindaco di Courmayeur

Lorenzo Graziola – Sindaco di Morgex

Riccardo Bieller – Sindaco di Pré-Saint-Didier

Loris Salice – Sindaco di La Salle

Mathieu Ferraris – Sindaco di La Thuile

Leggi anche

Courmayeur

/

09/12/2022

Decreto calamità sul territorio di Courmayeur, le precisazioni del Comune

Decreto calamità sul territorio di Courmayeur, precisazioni Il 26/10 La Presidenza della Regione ha dichiarato lo […]

leggi tutto...

Courmayeur

/

05/12/2022

Val Ferret – Regolamentazione viabilità e sosta: un nuovo sistema sperimentale

Stagione invernale 2022/2023 – L’accesso veicolare e la sosta a pagamento nella Val Ferret a partire […]

leggi tutto...

Courmayeur

/

01/12/2022

Courmayeur – Presentata la seconda edizione del Premio letterario Grand Continent

Il Premio Grand Continent, nel 2022 alla sua seconda edizione, è il primo premio letterario che riconosce […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy