Alpinisti improvvisati “E se li avverti prendi dei vaffa” Una guida alpina racconta l’ennesimo incidente

Courmayeur

/

CONDIVIDI

Alla luce delle numerose situazioni di pericolo e dell’incontro con alpinisti improvvisati che percorrono tratti interdetti e dopo un altro incidente di cui è stato testimone diretto, la nota guida alpina Enzo Marlier ha scritto una sentita lettera, pubblicata da planetmountain.com, in cui ha racconta l’ultimo episodio che ha coinvolto un ragazzo sul ghiacciaio del Col de Toula, dando l’allarme su un quadro generale di estrema pericolosità
La lettera di Marlier è molto interessante e ne pubblichiamo alcuni stralci:

“Sabato 13 ottobre – scrive la guida alpina – con il mio compagno di cordata Paolo Celesia stavamo rientrando verso il rifugio Torino e, come al solito, sulle tracce nei pressi del Rifugio c’erano un sacco di persone: bambini, gente con i moon boot… tutti completamente slegati e senza alcuna attrezzatura. Questo oltre il Col de Flambeaux e addirittura fino alle Aiguille Marbrées…. Anche mezzo chilometro, oltre quello che è consentito. Al Rifugio Torino infatti ci sono un sacco di segnalazioni, ci sono le barriere, la gente le deve scavalcare per passare.

Eppure questo non basta a fermarli [….. ] Arrivando al Rifugio – continua Marlier – “dopo aver urlato contro queste persone per avvertirle del pericolo che correvano, dopo l’ennesimo vaffa che mi sono preso, ad un certo punto arriva una signora che gridando ci informa che qualcuno è caduto in un crepaccio”.

Così Enzo Marlier non può fare a meno di recarsi sul luogo dell’incidente, accompagnato dal gestore del Torino, Armando Chanoine, Guida Alpina del Gruppo Guide Alpine di Courmayeur, e monitorare la situazione.

“Poco oltre il colle del Flambeaux – riprende il racconto – “dentro ad un buco, a 20 metri di profondità, c’era una persona. Una persona che sul ghiacciaio non era andata da sola, ma in compagnia di altri 3 amici. Quindi 4 persone, all’incirca tutti 25enni, in scarpe da ginnastica, tranquilli, a farsi la passeggiata in mezzo i crepacci. Purtroppo nei giorni precedenti aveva nevicato. Aveva fatto solo 4 dita di neve ma il vento aveva coperto un poco questi crepacci e uno di questi ragazzi c’è finito dentro, precipitando per 20 metri”.

Una situazione drammatica sulla quale i due esperti alpinisti non potevano fare granché se non chiamare il Soccorso Alpino francese, trovandosi in territorio francese.

“Quindi sono arrivati 6 gendarmi del Pelloton d’Haute montagne di Chamonix, con un elicottero, cavalletto e argano per poter tirare fuori il ragazzo. Bisogna dire che è stato “fortunato” perché aveva fatto 20 metri di volo… In questo momento è ricoverato all’Ospedale di Sallanches in condizioni gravi ma stabili”.

Quale il motivo di questo racconto?

“Racconto tutto questo – conclude Marlier su plantemuntain.com “perché nonostante i cartelli, le barriere e tutto il resto la gente continua ad andare avanti. Ovviamente senza l’attrezzatura e la preparazione indispensabile. Anzi, la maggior parte non sa neanche di essere su un ghiacciaio né cosa questo significhi e comporti. E posso garantire che a qualche centinaio di metri, sia sulla traccia che va verso il Marbrées sia sulle tracce che vanno verso il Flambeaux, ci sono dei buchi enormi. Sono stupito che ad oggi ci sia stato solo un incidente proprio perché la gente non rispetta questi cartelli…”

Situazioni di estrema pericolosità sulle quali Enzo Marlier ha voluto giustamente lanciare l’allarme.

Leggi anche

Courmayeur

/

09/04/2021

Aperto dal Comune di Courmayeur il conto corrente per emergenza Covid19

Chi vorrà potrà donare e appoggiare questa azione di solidarietà versando la propria offerta sul conto […]

leggi tutto...

Aosta

/

07/04/2021

Misure Covid fino al 12 Aprile – L’Ordinanza regionale

La Presidenza della Regione informa che il Presidente della Regione Erik Lavevaz ha firmato martedì 6 […]

leggi tutto...

Courmayeur

/

06/04/2021

Courmayeur – Nuovo appuntamento con l’importante rassegna ‘Autori in vetta’, le Info

Data l’impossibilità per la pandemia in corso di organizzare un’edizione in presenza di Autori in vetta, […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy